Vai al contenuto
Yon

Insoddisfazione da mancanza di profondità

Recommended Posts

Il problema del V libro è che doveva essere un unico volume col IV e quindi non può risultare fluido come i precedenti e soprattutto che le parti davvero pallose (Daenerys su tutte) sono molto presenti....

Braaaavoooo! Proprio a quelle mi riferivo! Ad un certo punto diventa insopportabile.

 

 

Nella quinta seria non ci si è annoiati mai???? E la stronzata che si sono inventati per Dorne????

Aspetta, intendevo la serie in generale rispetto al libro. Se paragoni il V con l'ultima stagione non c'è partita.

Il punto è che molte cose, tra cui Dorne e Braavos son prese dal IV. Su quelle possiamo avere dei dubbi.

Però, e qui per chi non avesse letto mettiamoci un bello:

 

 

SPOILER ALLERT

 

 

 

Tyrion che si fa il viaggio con Varys invece che con Connington, che incontra Daenerys e prende il comando di Meeren

rispetto ai capitoli del V libro con tutte le vaccate di Yunkai etc è oro che cola.

Jaqen che ricompare come maestro di Arya a Bravos invece dell'uomo gentile è fantastico.

 

In effetti Jamie a Dorne non c'entra niente. Però vedere ancora Bronn in azione è sempre bello.

Quella parte soffre troppo per i tagli ai millemila personaggi in gioco e gli stravolgimenti (come Sansa).

Il vero interrogativo è la storyline di Aegon nel libro: serve solo a perdere tempo? Peccato perchè non mi dispiaceva.

Ma la Corazzata Kotemkin del caso è come hanno rovinato il personaggio di Stannis.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Oppure c'era un romanzo sulla guerra delle due rose, che alla fine è lo spunto della saga di Martin, ma il titolo boh.

Intendi la Saga di Conn Iggulden? Mi sono fermato a metà del secondo libro: carina, ma il paragone con Martin che ho sentito fare a molti proprio non regge, c'è un abisso tra i due scrittori.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non so se la discussione sia ancora attuale, ma anche io ho riscontrato lo stesso problema... la mancanza di "profondità" nel fantasy.

Il fantasy è così leggero.... almeno quanto la fantascienza è stra complicata!

 

Io apprezzo entrambi i generi, quasi allo stesso modo, sotto tanti punti di vista (serie tv, videogiochi, film...) e quindi vorrei anche leggerne molto, ma spesso quello che trovo è fantasy ultra generico, (il mago cattivo......la spada magica........cioè.....non ho più 12 anni) oppure fantascienza dove, al contrario, rinuncio dopo 20 pagine perchè seguire la procedura di taratura mnemonica del servo-regolatore del plasma di fusione della pseudo armonica di curvatura, onestamente, mi caga il ca**o.

 

Per fortuna, a volte, ci sono delle piacevoli eccezioni.

 

Mi sto gustando, da dio, la saga dello strigo di Andrzej Sapkowski...

Questa, santo cielo, è scritta in maniera diversa, finalmente.

Ha idee, un solido background, bei personaggi, è proprio godibile!

Mi spiace solo che quando la finirò passera un milione di anni prima di trovare qualcos'altro del medesimo valore.

 

Sono al quarto libro per ora, dei 5 della vicenda.

    Il sangue degli elfi (Krew elfów, 1994), Editrice Nord, 2012
    Il tempo della guerra (Czas pogardy, 1995), Editrice Nord, 2013
    Il battesimo del fuoco (Chrzest ognia, 1996), Editrice Nord, 2014
    La Torre della Rondine (Wieża Jaskółki, 1997), Editrice Nord, 2015
    La Signora del Lago (Pani Jeziora, 1999), Editrice Nord, 2015  <- Lo devo ancora leggere

 

La Nord ci ha messo un casino a tradurli, come vedete è narrativa polacca anni '90, ma finalmente è arrivata.

Ora lo scrittore ha scritto anche un altro libro, nel 2013 (Sezon burz, non so cosa voglia dire) quindi ben 14 anni dopo aver finito la vicenda, non so di cosa tratti, ma se la Nord lo tradurrà, me lo procurerò.

 

Dello strigo esisterebbero anche un paio di libri da leggere prima dei 5 della saga:

    Wiedźmin (5 racconti), 1990
    La spada del destino (Miecz przeznaczenia, 1992; 7 racconti), Editrice Nord, 2011
    Il guardiano degli innocenti (Ostatnie życzenie, 1993; 7 racconti), Editrice Nord, 2010

Che non sono "Romanzi" ma raccolte di racconti brevi.

Io li ho saltati, per andare direttamente alla serie principale dei 5, perchè conoscevo molto bene l'universo di cui si parla grazie ai videogiochi (giocati tutti e 3), quindi non avevo bisogno di introduzioni.

Andrà a finire che me li procuro "postumi", perché avrò voglia di leggere ancora vicende dalla penna di questo grande autore, una volta terminata la saga, lo so già.

Non so se ne avevate già parlato in questa discussione, ma senza ombra di dubbio questi 5 libri li stra consiglio.

------------------------

 

Rimango aperto a consigli (anzi, vi pregherei proprio di darmene!) per via di altro fantasy fatto bene, e gradirei anche della fantascienza che non richieda di essere dei fisici nucleari.

Prediligo la spaziale, rispetto a quella sul futuro terrestre cyberpunk (è la distinzione maggiore che mi viene da fare, quando si parla di fantascienza....ma in realtà mi piacciono entrambe).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sempre attuale il tema.

 

Ma per caso è la saga di The Witcher? Anche Innuendo la straconsiglia.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si, parliamo della stessa cosa.

"The Witcher", come nome, è un termine all'inglese che ti indica più che altro (anzi, è stato coniato appositamente) i videogames.

Nei libri è lo Strigo, più fedele allo Strigoi del testo originale.

 

Non so se sei un videogiocatore, ma sono belli anche loro eh!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Poco videogiocatore, in effetti.

 

Grazie per la segnalazione, a cui darò senz'altro seguito.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sì son loro non ho postato sentendo direttamente yon ho letto tutto in tedes o ed italiano, quindi ho letto anche quello dopo la dama del lago ultimo capitolo della saga. Un racconto ambientato prima della saga stessa con altre belle pensate.

 

Aspettavo la traduzione dal polacco dal 1998 per cui ho aspettato di.leggere tutto per provare poi i vidsogames...notevoli

 

Straconsiglio i libri ed anche i videogiochi per un fantasy classico ma con.prospettive diverse; un fantasy europeo organico che non sente la necessitá di draghi per essere powah (ci sono anche i draghi ma solo in un raccontino) un fantasy che non è nè corale nè con un protagonista vero e proprio geralt è attore di molte vicende ma ci serve per vedere un mondo con i suoi intrecci e le sue burocrazie, mettendo in dubbio buono e giusto cattivo e mostro affrontqndo temi come la cruditá della guerra e razzismi, senza fronzoli o abbellimenti seppur alleggeriti con.le rivisitazioni del bardo.

 

Mi fermo che non ho molto tempo ma...se vi capitasse di leggerlo magari lo apprezzerete più di certaltri fantasy d'oltreoceano....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

I libri dei caduti Malazan sono molto belli e ti posso dire che rileggendoli mi è  mancata la semplicità del primo  libro.... il problema con la serie è che la serie è lunga e ci si perde un poco nei personaggi. Ti posso dire che se continui diventa molto più complessa ma soprattutto con un numero di personaggi spaventosamente alto... Non ti lamentare della semplicità per tutto il resto c'è  David Gemmell (peccato che ultimamente ci ha lasciato anche lui come Dever :-( ....) 

Un altro che mi viene da pensare a parte i libri sullo strigo è Joe Abercrombie un vero mito in quanto a scrittura fantasy e immediatezza.... non ti perde una virgola rispetto a Howard o David Gemmell... Considera che in America gestisce con mister StormBringer M. Moorcook una serie che si chiama i mondi del fantasy quindi è molto quotato e per i miei gusti bravissimo a scrivere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi registrarti al Forum per poter lasciare un commento o partecipare alla discussione.

Crea un account

Iscriviti con pochi clic al Forum.

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

FORUM ITALIANO DI HEROQUEST

Il Forum Italiano di HeroQuest è gestito dalla redazione Heroquestgame.com, online dal 1999. Le risorse che troverai qui sono tutte gratuite, nella maggior parte dei casi in italiano e se stavi cercando un posto per far rivivere la tua passione per HeroQuest, la tua ricerca è terminata. Benvenuto nel mondo dei dungeon da liberare, delle missioni da compiere ai confini del conosciuto, delle armi da forgiare, dei misteri da svelare.
Benvenuto nel mondo di HeroQuest.

HeroQuest è un marchio della Hasbro - Games Workshop Inc. - Tutti i diritti sono riservati. Questo sito non intende ledere in modo diretto o indiretto diritti di copyright legati alla proprietà del marchio ma esiste esclusivamente per lo scopo di continuare a diffondere la conoscenza del gioco e delle sue espansioni. 

HeroQuest is a trademark of the Hasbro - Games Workshop Inc. - All rights reserved. This site doesn't intend to injure in direct or indirect way copyrights to the ownership of the trademark but it exclusively exists for the purpose to keep on spreading the knowledge of the game and its expansions.  

Facebook

×