Jump to content
gokiburiman

Un assaggio del mio racconto fantasy - Hero Cronicles

Recommended Posts

volevo presentare qui  un estratto,..per ora..,dal mio racconto fantasy,"Hero cronicles", ispirato al mondo di Hero quest e il fantasy in generale come anche D&D e mondi simili.

come assaggio ho scelto il 3° capitolo, in quanto piu leggero e piu piccolo rispetto agli altri, per non tediare troppo il lettore e perche è il capitolo di presentazione del protagonista principale,che è il barbaro Rogarn (dal nome similare a quello citato in heroquest diverso solo per una N finale al nome XD ),..al quale personaggio sono legate alcune principali vicende.

lo stile narrativo è quello di un racconto di avventura ,anche per i piu giovani, che non dovrebbe annoiare troppo il lettore,offrendo una lettura dei fatti abbastanza scorrevole non esagerando troppo nei dialoghi e nelle descrizioni senza soffermarsi troppo in introspezioni varie,..almeno credo  :laughing6:

 

il terzo capitolo è anche strutturato in una maniera da essere staccato dalla continuity del racconto per la sua forma quasi autoconclusiva, come un episodio a se stante ma comunque collegato.

 

per ora il racconto arriva a una decina circa di capitoli,...molto piu interessanti e meglio strutturati di questo terzo..ma piu lunghi e descrittivi  :iconbiggrin:

 

spero che a qualcuno piaccia  :tongue1:

 

 

allego file tipo txt perche piu leggero

romanzo heroquest cap 3.txt

Share this post


Link to post
Share on other sites

ovviamente chiedo scusa in anticipo per eventuali  errori ortografici e di punteggiatura,..ma  ho il brutto vizio di scrivere veloce,su una tastiera sgangherata dove le lettere non si vedono quasi piu e con tasti che avvolte si inceppano  XD

 

ogni tanto controllo dove sono gli errori e correggo,..ma spesso mi sfuggono ;P

Share this post


Link to post
Share on other sites

I revisori di bozze servono a quello :)

 

Posso permettermi qualche appunto?

 

 

Ormai èra sera e le locande incominciavano a illuminare le insegne e riempirsi di avventori,chi per passare la notte chi per strafogarsi di cibaglie o brindare a qualcosa,tra canti,schiamazzi, risate e qualche diverbio che anima un po la serata.  Intanto,lungo la strada a sud che porta alla capitale dalla vicina regione del Lyam,terra facente parte delle regioni dei regni indipendenti non annessi all'impero e sempre in lotta tra di loro,terre di frontiera di briganti ,mercenari e qualche insediamento barbarico di alcune comunità nomadi cimmere provenienti dalle lontane barbariche terre di Nortka,all'estremo confine nord delle terre di Britonia,..una figura solitaria e imponente,

 

Scriverei "che animi un po' la serata".

Hai messo un lunghissimo inciso che spezza la frase principale (Intanto, lungo la strada a Sud che porta alla capitale della vicina regione del Lyam, (...) una figura solitaria e imponente...

Si fa un po' di fatica a leggere.

 

Se vuoi continuo :laughing6:

 

La scena mi piace, secondo me ci sono delle cose da sistemare, poi ovviamente ognuno ha il suo stile.

Share this post


Link to post
Share on other sites

e lo so..ma qualcuno mi ha detto che sono poco descrittivo e allora ho cominciato a soffermarmi  un po di piu sulle descrizioni XD

anche perche essendo la prima volta che viene nominata la regione del lyam ,urgeva una piccola introduzione subitanea anche per capire  da che posto viene sto barbaro e per fare un po l'idea della geografia del posto,..indi per cui ,man mano che rammento posti e luoghi ,approfitto subito per dare una breve descrizione tanto per far avere  un idea al lettore,..che mano a mano che legge si figura un po la mappa diciamo XD

 

lo stesso vale per le descrizioni degli elementi che si presentano ma mano per la prima volta nel racconto,per dare subito l'idea piu precisa di cosa sta leggendo il lettore, invece di rimandargli le spiegazioni in altri momenti...che magari poi mi scordo di farlo XD

 

e si purtroppo incappo spesso in errori di battitura,..ma i piu son dovuti dal fatto che  ho una tastiera con i tasti quasi totalmente cancellati e spesso non ricordo do stanno le lettere ..ma me ne accorgo purtroppo dopo :P

Share this post


Link to post
Share on other sites

Secondo me non è necessario fornire subito molte informazioni al lettore, anzi, credo sia controproduente. Tra l'altro tenerle a mente tutte non è semplice.

Dovresti aiutarti con degli schemi per ricordare cosa hai detto e cosa no, crearti schede di Personaggi e luoghi, una scaletta dei capitoli e della trama, di come si intrecciano. Scrivere è una faticaccia, in realtà! :-)

 

A me piace l'idea che hai messo in questo passo,

Ne ho riscritto un pezzo per spiegarmi meglio su cosa intendo per ridistribuire le informazioni.

 

 

Il Barbaro proseguiva in direzione della Capitale con passo lento e pesante lungo la strada lastricata, fiancheggiata da una boscaglia bassa e rada, costituita da pini mughi e qualche larice. Alle sue spalle si lasciava il tramonto che annegava tra le cime delle montagne del Lyam ed il ricordo degli intrighi politici di quel Regno divenuto terra di confine buona per contrabbandieri e guerrieri nomadi di Nortka.

La sua ombra si allungava sempre di più in avanti, quasi a precederlo verso la sua meta, restituendo un’immagine distorta della sua corporatura avvezza ad anni di allenamenti e battaglie. Si sistemò meglio la sacca di cuoio facendola battere lievemente sullo spadone che portava a tracolla sulla schiena e sollevò lo sguardo grigio sui bastioni Sud della Capitale: oltre la porta poteva quasi udire, o immaginare, gli schiamazzi degli avventori che iniziavano ad affollare le taverne, le insegne delle stesse illuminate dalle lanterne appena accese che sbattevano alla lieve brezza che spirava da Ovest, grida di risate sguaiate e diverbi; una birra fresca era quello che gli occorreva per chiudere la giornata di marcia. Poteva quasi avvertirne il sapore ed il lieve pizzicorio che lasciava la schiuma bianca sul suo mento.

“Hei, montagna di muscoli!”

La voce stridula lo strappò improvvisamente alla sua visione. Il Barbaro assottigliò lo sguardo velato dalla capigliatura nera sulle due figure comparse sul ciglio della via: giubbotti di cuoio bollito, qualche piastra metallica, due pugnali che sembravano più due stuzzicadenti, corporatura smilza. Serrò le labbra senza accennare ad arrestare il passo.

“Penso che ti sarai accorto che il passo è bloccato e che se vuoi continuare la passeggiata ci devi almeno pagare il pedaggio”.

Le sopracciglia del Barbaro si corrugarono: due aspiranti suicidi, forse. Quello che aveva parlato, spettinato e con una luce strafottente negli occhi, sembrava il più scaltro dei due, dato che l’altro, pelato e dall’aria un po’ ritardata, si limitava a sghignazzare sommessamente.

“Che ne dici di lasciare qui quel sacco e quella spada? Mi pare un gran bell’oggettino che potrebbe fruttare un po’ di monete d’oro! Così noi ti lasciamo andare, nessuno si fa male ed amici come prima! Allora? Ti piace l’affare? Che ne dici?

Il Barbaro si fermò a due passi da quella che sembrava la mente geniale che aveva architettato l’agguato. Un grosso sospiro fuoriuscì dalle sue nari mentre si mordicchiava il labbro inferiore; quel torrente di parole acute e folli gli aveva già fatto venire il mal di testa, inoltre non riusciva a capire come i due pensassero di venire a capo di un eventuale scontro se non per mancanza di ogni più pallida traccia di senso di autoconservazione. Eppure i due banditi facevano mostra di spavalderia.

“Non vedo ostacoli qui attorno”.

La voce uscì roca dalla gola del guerriero, risoluta come l’espressione del suo volto, sebbene le labbra avessero assunto una piega sarcastica.

“Ma siamo noi l’ostacolo, mi pare ovvio!” ribatté lo spettinato mentre il compare ormai rideva in modo così sgangherato che quasi si teneva la pancia con le mani. “Vedi, noi siamo quelli del pedaggio e se e diciamo che la strada è bloccata, fidati che è così! Ma se se ci paghi, diciamo dandoci tutto quello che porti, magicamente sparirà ogni ostacolo dalla tua strada e tu potrai andare tranquillamente dove vuoi! Quindi se gentilmente ci lasci la roba noi ti accordiamo il permesso di proseguire! Guarda voglio esser generoso perche mi pare vieni da lontano e avrai fatto chissà quanta strada per venire qua e non mi sembra giusto privarti di tutto, quindi per stavolta, faccio uno strappo alla regola, anche perche mi sei simpatico, quindi facciamo che ti lasciamo tenere il sacco e ti liberiamo solo del fardello di quello spadone che è da un po’ che osserviamo e chissà quanto peserà! Tu dallo pure a noi e quello che ci ricaveremo dalla vendita ci basterà come pagamento! Non sei contento?”

Forse la tattica dei due banditi era quella di rintronarlo con un’alluvione di parole deliranti. Quella pantomina era durata anche troppo e la schiuma di birra fresca che avrebbe dovuto colargli dal mento diveniva sempre più un miraggio. Il Barbaro scoppiò in una risata artefatta.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

anche così non è male ;) ..ma almeno te hai il dono della sintesi,..me invece ho preso il vizziaccio tolkieniano di esser troppo desctrittivo,..ma è anche vero che lo faccio per allungare un po i capitoli che altrimenti verrebbero troppo minimi XD

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma io non mi concentrerei sulla lunghezza. Meglio poco e ben scritto che molto scritto meno bene. Le descrizioni non sono male ma vanno calibrate a seconda del momento, di quello che vede il Personaggio, se ha il tempo di prestare attenzione ai dettagli.

Share this post


Link to post
Share on other sites

volevo presentare qui  un estratto,..per ora..,dal mio racconto fantasy,"Hero cronicles", ispirato al mondo di Hero quest e il fantasy in generale come anche D&D e mondi simili.

come assaggio ho scelto il 3° capitolo, in quanto piu leggero e piu piccolo rispetto agli altri, per non tediare troppo il lettore e perche è il capitolo di presentazione del protagonista principale,che è il barbaro Rogarn (dal nome similare a quello citato in heroquest diverso solo per una N finale al nome XD ),..al quale personaggio sono legate alcune principali vicende.

lo stile narrativo è quello di un racconto di avventura ,anche per i piu giovani, che non dovrebbe annoiare troppo il lettore,offrendo una lettura dei fatti abbastanza scorrevole non esagerando troppo nei dialoghi e nelle descrizioni senza soffermarsi troppo in introspezioni varie,..almeno credo  :laughing6:

 

il terzo capitolo è anche strutturato in una maniera da essere staccato dalla continuity del racconto per la sua forma quasi autoconclusiva, come un episodio a se stante ma comunque collegato.

 

per ora il racconto arriva a una decina circa di capitoli,...molto piu interessanti e meglio strutturati di questo terzo..ma piu lunghi e descrittivi  :iconbiggrin:

 

spero che a qualcuno piaccia  :tongue1:

 

 

allego file tipo txt perche piu leggero

 

Le idee sono valide. Attento alla tecnica.


The MasTer
Main Admin - Forum Italiano di HeroQuest

UserBars_HEROQUEST_admin.jpg
Facebook |Twitter

Share this post


Link to post
Share on other sites

il problema delle descrizioni e che ho sempre paura di tralasciare dettagli importanti ,di lasciare troppe cose sottointese e che poi la gente non si faccia bene l'idea di quello che voglio descrivere ;P

 

e piu che altro non riesco mai a trovare le parole giuste per sintetizzare senza togliere troppi particolari 

 

adesso piu che le descrizioni narranti, ho provato a cambiare forma e ho allungato i dialoghi in modo che le cose si evincano da ciò che si raccontano i personaggi,ma mi vengono dialoghi lughetti,sopratutto quando debbono narrare fatti del passato  lol

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

FORUM ITALIANO DI HEROQUEST

Il Forum Italiano di HeroQuest è gestito dalla redazione Heroquestgame.com, online dal 1999. Le risorse che troverai qui sono tutte gratuite, nella maggior parte dei casi in italiano e se stavi cercando un posto per far rivivere la tua passione per HeroQuest, la tua ricerca è terminata. Benvenuto nel mondo dei dungeon da liberare, delle missioni da compiere ai confini del conosciuto, delle armi da forgiare, dei misteri da svelare.
Benvenuto nel mondo di HeroQuest.

HeroQuest è un marchio della Hasbro - Games Workshop Inc. - Tutti i diritti sono riservati. Questo sito non intende ledere in modo diretto o indiretto diritti di copyright legati alla proprietà del marchio ma esiste esclusivamente per lo scopo di continuare a diffondere la conoscenza del gioco e delle sue espansioni. 

HeroQuest is a trademark of the Hasbro - Games Workshop Inc. - All rights reserved. This site doesn't intend to injure in direct or indirect way copyrights to the ownership of the trademark but it exclusively exists for the purpose to keep on spreading the knowledge of the game and its expansions.  

Facebook

×
×
  • Create New...

Important Information

By browsing this site I accept the Terms of Use.