Vai al contenuto

Quest e questpacks

Quest singole, mini e Quest Pack per Heroquest

88 files

  1. Rise of the Chaos God [ITA]

    Rise of the Chaos God (La Rinascita del Dio del Caos) è un questpack originariamente contenuto nel Box del set base di HeroQuest in lingua giapponese. Ne La Fucina è anche pubblicato anche in versione inglese tradotto da Bastian che l'ha anche riformattato con Heroscribe e pubblicato sia in formato EU che in formato USA. Questa che avete davanti è la prima traduzione assoluta in lingua italiana.
    Il file contiene il QuestBook, le carte Artefatti e le paper-miniatures dei nuovi personaggi.
    Crediti:
    Traduzione in italiano: Mauro Andreani (ala Nano Idolone sul Forum)
    Impaginazione e grafica: The MasTer

    40 downloads

    Aggiornato

  2. Dwarf Quest Pack

    Creata seguendo il filone di Frozen Horror e Mage of the Mirror, La Tana del Drago include diversi nuovi miglioramenti per il Nano. Tre Imprese in Solitaria sono incluse assieme a 5 Imprese di Gruppo ed 1 Impresa Doppia. Sono incluse tutte le carte speciali ed i tasselli! Questa Espansione richiede però un Drago (si raccomanda il Drago di D&D L'Inverno Eterno), Arcieri del Caos (gli Arcieri del Caos di Battle Master vanno bene) e Nani del Caos.
    Sito Ufficiale della fonte - Ye Old Inn - Link
    Pdf Originale - Dwrf Quest Pack - Dragon's Lair - Link
    Autore - Chaos Orc
    Traduzione/Restyle - Cleps
     
     

    200 downloads

    Aggiornato

  3. Il Labirinto

    Il file contiene la quest tradotta in italiano "Il Labirinto" pubblicata nella prima edizione (1989) del questbook di Heroquest. È inoltre incluso il remake dell'avventura a cura di Frodo che prevede l'uso di caselle di partenza (contrassegnate da delle X) e l'aggiunta del Minotauro, per dare un po' più di tensione alla quest.
     
     
     





    153 downloads

    Aggiornato

  4. Il Santuario

    Questpack basato sulla serie manga "I Cavalieri dello Zodiaco"
     
    Nelle terre di Godmorgorn, nuove e potenti forze malvagie stanno avendo la meglio, causando vittime e disastri di dimensioni sempre maggiori. La popolazione del luogo resiste ancora, vivendo in piccoli insediamenti nascosti, ma sembra non poter far nulla contro i cataclismi malefici e le scorribande degli scagnozzi delle forze oscure.
     
    Un'antica leggenda, però, narra che nei momenti di maggior crisi, sorge a difesa dell'umanità una schiera di eroi, difensori della giustizia, dotati di brillanti armature. Ma esse non hanno un valore assoluto, sono potenti solo se chi le indossa non dubita ed è sicuro della propria forza. Nonostante ciò il buio malvagio sta avendo la meglio e molti cavalieri sono morti a causa dell’oscurità. Si è sempre creduto che esistesse una
    sola sacra armatura, quella di Sagitter, a difesa dei più deboli, ma le armature d'oro sono dodici. E il Grande Sacerdote se ne vuole impossessare allo scopo di scatenare contro di noi la furia dei cavalieri a lui devoti. Per questo motivo ho deciso di aiutare quelle popolazioni e di inviarvi in battaglia. In quei luoghi sono in atto forze cosmiche terribili. Il Grande Sacerdote ha stretto un patto malvagio con le forze del Caos e brama desideri di conquista e distruzione.
     
     
     





    179 downloads

    Aggiornato

  5. Il Regno del Buio

    Dopo l'ultimo ciclo di luna, un corvo proveniente dalle Cime Innevate è giunto ad Ultima Città per consegnare un messaggio che narrava la notizia di un assedio, di strane creature e, forse di una potente magia che, presto, avrebbe conquistato il Maniero.
     
    Il file include due AddOn, Il primo riguarda le schede dei nuovi personaggi. Il Secondo le carte relative agli stessi.
     
    Artwork ed impaginazione by Cleps
     






    79 downloads

    Aggiornato

  6. Dark Alliance

    Traduzione del bellissimo questpack Dark Alliance di Rule42
    Sono ben 10 missioni legate tra loro che porteranno i nostri Eroi nelle profondità delle Montagne Grigie alla ricerca di un misterioso e potente Libro Nero.
     
    Credits:
    Sito Ufficiale della fonte - Ye Old Inn - Link
    Pdf Originale - Dark Alliance - Link
    Autore - Rule42
    Traduzione - Cleps
     






    84 downloads

    Aggiornato

  7. The Gathering of the Hordes

    The Gathering of the Hordes ovvero Il Raduno dell'Orda è il primo capitolo di una serie di questpack per Heroquest di Nicodemus pubblicata originariamente su aginsinn.com (oramai offline da anni).
    La versione originale dell'avventura in lingua inglese è disponibile qui.
     
    La serie include cinque questpack
    1. The Gathering of the Hordes (Il Raduno dell'Orda)
    2. La Distruzione dei Tomi (The Destruction of the Tomes)
    3. Companion's Quest (L'Impresa dei Compagni)
    4. Prequel - Rogue Wizardry (Prequel - La Magia Probita)
    5. Rogue Wizardry (La Magia Proibita) [Capitolo mai pubblicato]
     
    Tratotto in italiano da Alecrespi e Cleps.
     
    Descrizione dei Download:
    - Il File Principale contiene la traduzione in Italiano del questbook, prodotto in formato USA ed EU
    - il File AddOn contiene le carte e le tiles
    - il File Altre Versioni contiene questbook e tutto il materiale in lingua originale (USA)
     





    158 downloads

    Aggiornato

  8. Prequel - La magia proibita

    Prequel - Rogue Wizardry ovvero Prequel - La Magia Probita è il quarto capitolo di una serie di questpack per Heroquest di Nicodemus pubblicato originariamente pubblicati su aginsinn.com (oramai offline da anni).
     
    La serie include cinque questpack
    1. The Gathering of the Hordes (Il Raduno dell'Orda)
    2. La Distruzione dei Tomi (The Destruction of the Tomes)
    3. Companion's Quest (L'Impresa dei Compagni)
    4. Prequel - Rogue Wizardry (Prequel - La Magia Probita)
    5. Rogue Wizardry (La Magia Proibita) [Capitolo mai pubblicato]
     
    Il file include
    · Questbook in Italiano
    · Tasselli
    · Carte in italiano
    · Questbook originale in inglese.
     
    Traduzione in italiano a cura di Cleps.
     

     




    64 downloads

    Aggiornato

  9. Questione di fortuna

    Prima di iniziare a scrivere la campagna per il presente, ho scritto 5 quest singole che nel mio immaginario erano 5 leggende trascritte negli anni dai preti della capitale del regno. Queste quest mi servirono oltre che come allenamento (non avevo mai fatto il Dm quando negli anni 90 giocavo ad HQ, o a Dungeons & Dragons) e soprattutto per inventare testare regole nuove e modificare quelle che trovavo qui sul forum.
     
    "Questione di Fortuna" è la terza storia de "I Racconti degli Eroi".
    Gli Anziani hanno sempre raccontato queste storie ai loro giovani discepoli ed apprendisti per tener sempre desta in loro la paura dell'Ombra; la storia in questione narra l'avventura di 4 giovani esploratori che, durante una spedizione nei boschi del Regno d Stynia, vennero catturati ed imprigionati in una fortezza magica da dove, si narra, non sia mai uscito nessuno.... vivo!
     
    Il file contiene il questbook e le due mappe disegnate a mano del luogo in cui si svolge l'avventura.
     
    Per giocare è necessario il seguente materiale:
    Set Base di Heroquest Carte Pozioni Carte Erbe Carte Viveri Equipaggiamento Enhanced by Frodo Equipaggiamento Magico






    46 downloads

    Aggiornato

  10. Companion's Quest

    Companion's Quest ovvero L'Impresa dei Compagni è il terzo capitolo di una serie di questpack per Heroquest di Nicodemus pubblicata originariamente su aginsinn.com (oramai offline da anni).
     
    La serie include cinque questpack
    1. The Gathering of the Hordes (Il Raduno dell'Orda)
    2. La Distruzione dei Tomi (The Destruction of the Tomes)
    3. Companion's Quest (L'Impresa dei Compagni)
    4. Prequel - Rogue Wizardry (Prequel - La Magia Probita)
    5. Rogue Wizardry (La Magia Proibita) [Capitolo mai pubblicato]
     





    73 downloads

    Aggiornato

  11. The Destruction of the Tomes

    The Destruction of the Tomes ovvero La Distruzione dei Tomi è il secondo capitolo di una serie di questpack per Heroquest di Nicodemus pubblicata originariamente su aginsinn.com (oramai offline da anni).
     
    La serie include cinque questpack
    1. The Gathering of the Hordes (Il Raduno dell'Orda)
    2. La Distruzione dei Tomi (The Destruction of the Tomes)
    3. Companion's Quest (L'Impresa dei Compagni)
    4. Prequel - Rogue Wizardry (Prequel - La Magia Probita)
    5. Rogue Wizardry (La Magia Proibita) [Capitolo mai pubblicato]
     
    Tradotto in italiano dall'inglese da Cleps con la collaborazione di Alecrespi per la realizzazione delle mappe.
     
    Descrizione del Download:
    Il File Principale contiene il QuestBook tradotto in italiano in formato EU
    Il File AddON#1 contiene un corposo add-on di Carte per il questpack
    Il File AddON#2 contiene una serie di tiles necessarie al gioco
     





    201 downloads

    Aggiornato

  12. Agin's Inn Quest

    Agin's Inn è un questpack per Heroquest pubblicato originariamente dal sito aginsinn.com (oramai offline da anni).
    Consiste in una raccolta di singole quest ideate da diversi autori, più dettagliatamente: Stefan Nyord, Sinhue Baez, George Eden, Philip Griffin, Adam Portnow, K.u.C. Hofnerr, Robert Griffin, Jason Kibble.
     
    Gli HeroquestForgers del Forum Italiano di Heroquest hanno tradotto interamente questa storica avventura. Sia il questbook che gli add-on.
     
    Descrizione del Download:
    - Il File Principale contiene il QuestBook e tutti gli AddON in Italiano
    - Il file Lingua Originale contiene il file originale in lingua inglese
     





    84 downloads

    Aggiornato

  13. Il Ritorno del LichMaster

    Posto la traduzione di questo fantastico questbook. Segnalate errori e postate commenti o suggerimenti per migliorarlo.
     
    Descrizione del Download:
    Il File Principale contiene il QuestBook
    Il File AddON#1 e AddON#2 contengono tutto il materiale aggiuntivo necessario.
     
    Credits:
    Si tratta di un questpack originale per Advanced Heroquest scritto da Dewayne Agin e convertito per Heroquest da Graeme Davis and Carl Sargent.
     

     




    134 downloads

    Aggiornato

  14. Running the Gauntlet

    Il libro di Dave Morris HeroQuest: The Screaming Spectre conteneva una quest solitaria per il Mago dal titolo Running the Gauntlet.
    Qui trovate la traduzione in lingua italiana della quest.
     
    Il file contiene
    - Quest originale in lingua inglese
    - Quest tradotta in italiano
    - Tile aggiuntiva necessaria per il gioco
     





    59 downloads

    Aggiornato

  15. A Growl of Thunder

    Il libro di Dave Morris HeroQuest: The Screaming Spectre conteneva una quest solitaria per il Barbaro dal titolo A Growl of Thunder
    Qui trovate la traduzione in lingua italiana della quest.
     
    Il file contiene:
    - Quest originale in lingua inglese
    - Quest tradotta in italiano
     





    87 downloads

    Aggiornato

  16. La Ricerca di Sonneklinge

    Questo è un mio adattamento/traduzione personale di The Quest for Sonneklinge, Impresa per Advanced Heroquest pubblicata su White Dwarf .121
    Si tratta di un miniQuestpack di quattro Imprese divise in due parti.
     

    Il Principe Karad von Carron era un Eroe conosciuto in tutto il Vecchio Mondo. La sua vittoria sulle Orde Goblinoidi che attaccarono il villaggio di Carroburg è materia di leggenda: questa storia ha viaggiato di bardo in bardo per secoli, ed è raccontata in locande e taverne in tutto l’Impero. Persino la sua morte permano dell’Ogre Ratgot Maciullanani non ha potuto macchiare il suo ricordo: negli ultimi, culminanti momenti della battaglia, l’Ogre mortalmente ferito riuscì a squarciare la gola di Karad. La sua sepoltura in una tomba nelle profondità delle colline di Skaag fu un evento di gran dolore per la gente di Carroburg.
    Da allora le colline attorno al villaggio sono state relativamente prive della presenza di Goblinoidi. Fino a poco tempo fa. Negli ultimi mesi il villaggio è stato attaccato in non meno di tre occasioni e ogni volta le perdite sono state più grandi e i danni più gravi. Il consiglio cittadino, presieduto dal bis, bis, bisnipote di Karad, ha deciso che è ora di agire richiedendo l’ aiuto di avventurieri locali. Siete gli unici ad aver risposto al loro appello.
    Erich von Carron rivela di essere stato visitato nella sua camera da letto dal fantasma del Principe Karad. Erich spiega che l’anima del suo antenato stavagando sulla terra perché Sonneklinge, la spada con cui Maciullanani venne ucciso, è stata sottratta dalla sua tomba.
    Continua a spiegare che gli Orchi che hanno attaccato Carroburg sono gli stessi che sono stati coinvolti per anni in schermaglie minori con gli abitanti della foresta del villaggio. Ora gli Orchi hanno un nuovo comandante; il Capoguerra Orco che una volta li guidava, Gragath Rogant, è stato sostituito da Hogrod Squartatroll, uno spaventoso Capo Ogre della stessa linea di sangue che ha generato Ratgot Maciullanani.
    Erich vi chiede di entrare nella città nanica abbandonata di Kazrad-Kain, dove gli Orchi si rifugiano, e ritrovare la spada. Vi spiega che solo riportandola nella Tomba del Principe l’anima del suo antenato tornerà a riposare. Infine, vi avvisa che non dovrete portare via nulla dalla Tomba, poichè il Principe Karad ha lanciato una maledizione sul tesoro.
    Vi augura quindi buona fortuna, e vi mostra una mappa per arrivare all’entrata di Kazrad-Kain.
     
    Descrizione del Download:
    Il File Principale contiene il QuestBook completo dell'avventura in italiano
    Il File AddON#1 contiene elementi aggiuntivi necessari per giocare l'avventura.
    Il File Lingua Originale contiene il QuestBook pubblicato sul n.121 White Dwarf (in inglese)
    Il File Altre Versioni contiene il QuestBook in francese
     





    120 downloads

    Aggiornato

  17. L'Amuleto dei Nani

    Si narra che nei monti Emyn Muil, a nord della pianura di Nindalf e ad est delle cascate di Rauros, molti e molti lustri orsono, sia avvenuta una terribile battaglia tra orchi di Bhaale nani di Morannon e che questi siano stati sterminati grazie anche all'intervento devastante di un’orda di fimir servitori del male.
    Intere generazioni di nani vennero sterminate a Morannon subito dopo la battaglia e tutte le ricchezze, tesori e segreti di quella comunità saccheggiati e derubati dalle creature di Morcar.
     
    Tra i tesori derubati vi fu un amuleto di misterioso potere. Da quel che si dice il nano che lo indossava poteva spostarsi per distanze notevoli con la sola forza del pensiero. Si dice anche che indossare l’amuleto rendesse completamente immuni ad alcuni potenti incantesimi e che, addirittura, chi indossasse l’artefatto fosse in grado di mutare le sue sembianze.
    Nessuno sa che fine abbia fatto l’amuleto ma l’imperatore è intenzionato a strapparlo alle forze del male come segno tangibile della memoria dei nani di Morannon che perirono in quella battaglia.
    Gli orchi dominano la pianura da troppo tempo perché si possa pensare ad un’attacco frontale.
    Hijdgar, anziano conoscitore di quegli oscuri luoghi, conosce un passaggio sotto il fiume Anduin: le Cave di Anduin, antiche miniere abbandonate che portano fino ai Sotterranei Infiniti, dove si dice che gli orchi di Bhaal, da decenni, abbiamo dimora e quartier generale.
    Hijdgar, vi indicherà l’entrata delle miniere.
    Trovate l’uscita, accedete ai Sotterranei Infiniti e riportate all’imperatore il potente Amuleto dei Nani.
    L’imperatore ricompenserà gli autori dell’impresa con 100 monete d’oro ciascuno.
     
    Descrizione del download:
    - Il File Principale contiene il QuestBook
    - Il File AddON#1 contiene la Cave Map necessaria al gioco
    - Il File AddON#2 contiene altri elementi aggiuntivi necessari al gioco
     





     
     
     
     
     



    136 downloads

    Aggiornato

  18. The Abyss

    Ormai da diverse settimane ho mandato una vedetta a controllare al di la delle montagne di Gunzar, terre di rifugio delle forze di Morcar, per controllare come il nostro nemico si stesse movendo, il mio messaggero non è mai tornato.
    Gli uomini sono ancora esausti dall’ultimo scontro ingaggiato, e molti valorosi soldati sono morti per scacciare il nemico dalle nostre terre… è vero, abbiamo scacciato l’invasore e le sue orride creature ma dobbiamo stare attenti piu che mai, siamo vulnerabili ora, ma ora riposiamoci, la notte ci porterà consiglio.”
     
    Il giorno seguente Mentor entrò nella stanza ansimando per avvisarci della nuova invasione, il nostro battaglione doveva ancora essere armato e smistato, le altre forze disponibili erano già in riga fuori dalle mura per cercare di respingere questo nuovo attacco.
    Si trattava della piu grande armata di Orchi mai veduta prima d’ora, dietro di questi fino a perderne la vista migliaia di Goblin, e Fimir, e altre immonde. Erano almeno trentamila creature, o forse più, le mura non avrebbero retto a lungo……, ma come era riuscito Morcar a radunare una simile armata? Mentre il sole iniziava a sorgerà la battaglia ebbe inizio, ogni soldato si batté con coraggio, anche io ed i miei compagni non mancammo in prima linea, ma per ognuna di quelle creature che uccidevo sembrava ce ne fossero altre cinque per rimpiazzarla, prima del calare del sole fummo costretti a ritirarci oltre la grande rupe ed a far saltare tutti i ponti…
    Avevamo guadagnato qualche giorno, ma la fine sembrava ormai certa…
     
    E’ ormai quasi due giorni che organizziamo le difese, presto il nemico troverà il modo di raggiungerci ma ecco che i miei dubbi trovano risposta, Mentor entra di gran passo nel nostro rifugio e ci convoca: “…amici miei, è lo scettro di Bornag, ecco come Morcar è riuscito cosi’ a breve a radunare simile armata! per voi quattro è giunto il momento di lasciare il campo di battaglia, ho una nuova impresa da affidarvi, ne va del destino del regno o potrebbe essere la fine del mondo cosi come lo conosciamo ora.
     





     



    45 downloads

    Aggiornato

  19. La Terra dell'Oblio

    Un Bagliore accecante torturava gli occhi di Tormac, non concedendogli tregua. La cotta di maglia a brandelli, la veste dell’Esercito Imperiale stracciata. Il soldato avanzava a tratti carponi, sfinito. L’acqua era terminata da un pezzo ed erano giorni che non mandava giù un boccone; certo, non poteva sperare di trovare selvaggina in abbondanza lì, nelle Pianure dell’Est, oltre l’Orlo della Terra, perlomeno nelle sue condizioni... C’erano buone probabilità che fosse spacciato, ma doveva continuare… non poteva essere raggiunto dal manipolo di soldati che lo inseguivano, perché questo sì che avrebbe significato morte certa. Per un disertore non c’era altra via che quella che passava attraverso una lunga prigionia; se poi il disertore era anche una spia, allora…
    Si maledisse per non avere preso a Sud dopo aver passato i confini dell’Impero: lì sarebbe stato relativamente più facile trovare cibo e acqua, anche dopo aver perso il cavallo, come era successo a lui… un tiro fortunato di una Guardia Imperiale. Tuttavia aveva preso la strada meno scontata, ed era difficile che lo seguissero ancora.
    E ad un tratto la vide.
    Dapprima non ne fu sicuro, pensò ad un miraggio o ad un’allucinazione, ma poi avanzò nella sua direzione fino ad esserne certo. Una costruzione bassa e lunga, di un bianco grigiastro, semisepolta dalla sabbia e dal pietrisco bianco che caratterizzavano quel tratto di regione. Tormac ora ci si trovava di fronte. Lunghi bassorilievi mezzi consunti rappresentanti figure umane in pose innaturali la ornavano all’esterno, ma non vi era traccia di un ingresso. Il disertore si concentrò sui bassorilievi, unico ornamento a quell’anonimo edificio: a guardarli meglio… ma la sua vista era annebbiata dagli stenti e non poteva esserne certo. Poi fu attratto da quello che sembrava un grosso teschio sporgente: senza sapere perché infilò le dita nelle sue orbite vuote.
    Un sordo rumore di pietra che sfrega seguì il suo gesto, ed una porta immensa, prima nascosta, si spalancò alla sua sinistra. Si mise davanti all’apertura, alta almeno sette metri e cercò di guardarvi dentro: davanti a lui l’oscurità totale. Una lieve brezza fredda, che sapeva di chiuso, spirò verso di lui per un attimo.
    Tormac non poteva permettersi il lusso di perdere tempo, poiché non aveva la certezza di non essere più seguito, eppure entrò. Ci mise parecchio ad abituarsi all’oscurità, ma poi riuscì a distinguere un lungo corridoio diritto di fronte a sé. Posò un ginocchio per terra ed aprì il suo zaino lercio estraendone una miccia ed una pietra focaia poi, raccolto un bastone secco che si trovava ai suoi piedi accese una rudimentale torcia e avanzò. Dalle pareti del corridoio fuoriuscivano ossa che parevano umane, ed ogni tanto si intravedevano i resti di fregi rappresentanti uomini che urlavano in preda al panico o che perivano in mezzo ad atroci tormenti, inframmezzati da scritture di una lingua ormai perduta. Tormac deglutì a vuoto: non era molto coraggioso, e rabbrividì per la paura, ma nonostante ciò continuò ad avanzare. Giunse ad un’immensa stanza il cui soffitto si perdeva nell’oscurità. Due file di colonne scolpite e raffiguranti mostri raccapriccianti correvano per il lato lungo della sala. Il disertore era al centro del piccolo circolo luminoso della sua torcia e attorno a lui c’erano solo tenebre… voleva fuggire. Si voltò per correre via ma, proprio in quel momento, la sua vista appannata fu attratta da un luccichio verdastro. Tornò a girarsi. Un gigantesco sarcofago di basalto e marmo nero si ergeva al centro della sala. Anche questo, come la costruzione, era adorno di orridi fregi, ma Tormac non vi fece neanche caso. Il suo sguardo era fisso sugli smeraldi che ornavano i fianchi della tomba. Si fece maggiormente da presso per osservarli meglio. Erano enormi. Tormac estrasse il pugnale e ne rimosse uno con molta fatica. Lo smeraldo cadde sul pavimento, ed il suo tonfo echeggiò fino negli angoli più reconditi della sala. Sorrise di un sorriso gretto. Allora continuò il suo lavoro finché non li ebbe asportati tutti. Osservò il sacchetto ripieno che stringeva tra le mani: con questa fortuna poteva comprarsi un intero regno! Poi un’idea lo fulminò: posò il sacchetto per terra e prese ad arrampicarsi sui bassorilievi del sarcofago, finché, con fatica, non riuscì ad issarsi sul coperchio del sarcofago. Il suo ghigno si allargò: al centro del coperchio, enorme, riluceva uno smeraldo lungo come il suo pugnale! Avanzò carponi verso la pietra ed inserì la punta della lama tra il gioiello ed il coperchio del sarcofago, togliendo prima via, con un’ampia manata, lo strato di polvere che lo ricopriva. Con sua enorme sorpresa, la pietra saltò via senza eccessivi sforzi. La afferrò e la osservò a lungo, ebbro di gioia… poi saltò giù dal coperchio del sarcofago, afferrò il sacchetto di smeraldi e fece per lasciare quel luogo. Un rumore strano, come di un respiro pesante lo fece voltare di colpo.
    Il Signore dell’Oblio era lì, di fronte a lui.
    Leggende antiche e tramandate oralmente descrivevano la distruzione che aveva portato, secoli addietro, prima di essere fermato da Rhojan, Principe di uno degli Antichi Regni. Tormac non sapeva perché, ma ebbe la certezza di trovarsi di fronte al Signore dell’Oblio. Lo sapeva e basta, era un dato di fatto. Non ebbe neanche il tempo di provare paura od orrore per ciò che aveva fatto… il Signore dell’Oblio alzò una mano verso di lui ed il disertore fu preso da una morsa di angoscia che gli serrava la gola in una morsa d’acciaio, sempre più forte, sempre più forte… finché tutto fu nero.
     
    A miglia di distanza, in Terre neanche segnate nelle mappe, nascosto nei recessi della sua Nera Fortezza, Morcar sorrise. Sapeva. In pochi, ormai, ricordavano quel suo oscuro fratello, sconfitto nella precedente Era… Ora, per l’Impero, poteva davvero essere la fine.
     

     




    99 downloads

    Aggiornato

  20. La stanza delle Sette Lune

    - C’è un Nuovo Potere… - disse Mentor.
    - Un Nuovo Potere sta avanzando spavaldo e malvagio, ma nessuno capisce quale sia la sua origine. Si sa solo che Giliath, cittadina una volta prospera e ridente ora è un agglomerato cupo di case e vie; è stata abbandonata, o sarebbe meglio dire evacuata, a parte un numero sempre più strenuo di valorosi che tenta una difficoltosa resistenza.
     
    Edras, un cavaliere di ventura, mio amico, è uno dei valorosi che cercano di arginare l’avanzata di quelle creature malefiche, ma non solo! Loro sono lì per scoprire di più su questo Nuovo Potere… intanto però questo dilaga, iniziando a contaminare anche i boschi e le foreste che circondano Giliath…
    - Allora intervenne l’Elfo: - Maestro, cosa significa Nuovo Potere? Non è sempre opera di Morcar? –
    Mentor sospirò: - Questo è ciò che mi preoccupa maggiormente… Questa malvagità sembra portare una nuova firma… gli orchi sembrano essere più intelligenti, i goblin più astuti… e le creature parlano tra loro… e i sopravvissuti di Giliath hanno sentito voci di una prossima venuta di nuove creature…
    Ho paura compagni miei, paura che il Caos abbia un nuovo figlio!... forse anche più potente e temibile di Morcar!... –
    - Ma come! – esclamò sorpreso il Nano. – Ma questo non è possibile! Così i Popoli Liberi avranno due nemici da dover combattere contemporaneamente! - Il Barbaro emise un grugnito.
    - Già – riprese Mentor. – Per questo l’Impero vi chiede di aiutarlo anche in questa impresa.
     
    Non conosciamo la difficoltà della missione, ma speriamo che riusciate, se non a debellare questa nuova calamità, per lo meno a scoprire qualcosa di nuovo. -
    - Ma dove sarebbe rimasto nascosto finora questo Figlio del Caos? – chiese il Mago.
    - Non lo so… forse la sua malvagità e il suo potere sono stati coltivati in qualche costruzione sotterranea, nascosti al mondo…
    Dovete affrettarvi, amici miei! Dovete andare a Giliath e trovare Edras, vive nella zona est della città, lui vi darà informazioni più dettagliate spero… e attenti! Ricordate che la città è ormai assediata e attenti alle trappole messe dai sopravvissuti! –
     
    Poi Mentor porse loro una sfera dal colore avano pallido, era tralucente. – Sapete cos’è questo? – chiese. – Questo è un Palantir… -
    - Uno dei Quattro! – esclamò il Mago.
    Mentor annuì. – La situazione lo richiede… Questo è Lea. Un altro, Redes, è situato nel palazzo dell’Imperatore. Io sarò sempre in ascolto e mi informerete mediante il Palantir. –
    - E gli altri due? – chiese l’Elfo.
    - Non si sa dove siano finiti, perduti in qualche vecchia guerra… Ma ora andate, correte! E che il coraggio e la fortuna sia dalla vostra-
    E gli Eroi partirono alla volta di Giliath.
     

     



    64 downloads

    Aggiornato

  21. La Torre dell'Eclisse

    Lo studio di Mentor non era mai stato così freddo e inospitale. Nonostante il fuoco fosse acceso all’interno del maestoso camino, l’aria era permeata da un sentore di sventura che raggelava gli animi di tutti i presenti.
    Mentor alzò il suo cupo volto verso gli astanti, e, con voce spezzata da un’insolita nota di preoccupazione, iniziò a parlare.
    “Un tempo esisteva un mago fedele al nostro Impero. Il suo nome era Shimallister. Costui aveva votato la sua vita alla protezione delle genti di questa terra ed era stato sempre in prima linea contro i nostri mortali nemici, il Signore degli Stregoni ed il mio infido apprendista, Morcar”.
    “Shimallister, finita la guerra che vide il nostro trionfo su Morcar grazie all’aiuto di Rogar, decise di edificare una grandiosa struttura, la Torre dell’Eclisse, un luogo portentoso, dove egli avrebbe potuto creare incantesimi capaci di arginare le future invasioni da parte dei nostri nemici”.
     

     
    “La Torre dell’Eclisse era composta da due torri, la Torre dell’Alba e la Torre del Tramonto, unite alla sommità da un salone chiamato il Ponte del Crepuscolo”.
    “Shimallister cercò a lungo un modo per proteggere i nostri confini, ed i suoi studi lo portarono a scoprire un mondo vicino al nostro nel quale vivevano strani esseri formati da pure ombre”.
    “Il prodigioso mago decise di sfruttare questi temibili esseri per proteggere le nostre genti e limitare al minimo le perdite di uomini al fronte”.
    “Tramite una durissima ricerca, riuscì a concepire l’Oscuro Tomo, un libro potentissimo capace di creare un varco tra il nostro mondo e quello delle ombre, nonché di asservirle ai voleri del suo usufruitore. Operando questo portento, il mago sperava di regalare un lungo periodo di pace e prosperità all’Impero, ma si sbagliò”.
    “Per qualche motivo le ombre si ribellarono e iniziarono ad invadere le nostre terre dall’interno. Fu allora che Shimallister, disperato per quello che aveva fatto, decise di sacrificarsi per porre rimedio al suo sbaglio”
    “Tramite un potente arcano, Shimallister auto-distrusse il suo corpo, e legò il suo spirito alla Torre dell’Eclisse in modo indissolubile. Il suo sacrificio riuscì a sigillare il Pozzo delle Ombre, la porta che aveva aperto sul mondo delle ombre e che si trovava nel piano sotterraneo della torre”.
    “L’impero si salvò, ed io mi occupai di sigillare magicamente il portone di entrata della Torre dell’Eclisse onde evitare che qualche sventurato vi accedesse scatenando, per errore, una nuova ondata di ombre su di noi”
    Mentor si ammutolì per qualche istante… poi esclamò:
    “Il mio sigillo è stato forzato, qualcuno è penetrato nella torre!”
    Il potente mago si alzò agitato, raggiungendo il centro della stanza:
    “Miei eroi, siete l’ultima speranza di questo Impero. Solo voi potete fermare questa minaccia. Solo di voi mi fido per affrontare i terribili nemici che hanno assediato la torre”.
    “Con i miei incantesimi ho scrutato le sue sale, e lì ho trovato la risposta. Una delle Legioni del Caos, i servitori più fedeli di Morkar, è penetrata all’interno della torre. Ma il fatto più sconcertante è che il loro capo possiede una copia dell’Oscuro Tomo. Palese è che siano intenzionati ad aprire nuovamente il Pozzo delle Ombre e a scatenarci contro quegli esseri”.
    “Non so come Morcar sia entrato in possesso dell’Oscuro Tomo per farne dono a questi suoi sottoposti, ma so chi essi siano, e hanno ragione di essere temuti!”
    “Questa legione è formata da quattro potenti esponenti del caos, tutti asserviti ad un signore del caos chiamato Bjorne l’Imperatore Nero. In qualche modo, costui ha ottenuto la fedeltà di questi suoi quattro pari, e costoro, uniti, sono una sfida mortale. Tra i suoi sottoposti vi sono tre guerrieri del caos: Wulf, signore dell’orda degli orchi, Sigfried detto il 3° re e Jotun della stella. Ma colui che più dovete temere è il pericolosissimo stregone del caos Njord, costui possiede grandi poteri ed è stato capace di rompere, anche se temporaneamente, il sigillo che avevo imposto sul portone d’entrata della torre”.
    “Armatevi al meglio e prendete tutto quello che l’Imperatore vi ha messo a disposizione, dobbiamo partire al più presto per la torre. Donerò ad ognuno di voi uno dei quattro Sigilli Magici che sono riuscito a creare nel poco tempo che ho avuto a disposizione. Il loro potere mi concederà di mandarvi degli aiuti nel malaugurato caso in cui qualcuno di voi soccomba nella lotta”.
     
    “Giunti alla torre potrò aprire il portone per un brevissimo tempo, dopodiché sarete soli all’interno, mentre io tenterò di guidarvi al meglio con i miei incantesimi divinatori”.
    “Svelti quindi, o l’Impero, anzi, il nostro intero mondo soccomberà sotto fitte ombre!”.
     

     



    367 downloads

    Aggiornato

  22. La Torre degli Stregoni

    Odore di morte è trasportato dal vento dell’est, più di un sussulto scuote la mia anima, i miei sogni non sono mai stati così funesti. La Torre di Kronoss, detta anche la Torre degli Stregoni è in fermento. Bahalor Kurl, il più potente stregone di tutti i tempi è pronto a muovere contro i popoli liberi.
    Insieme a lui vi sono i suoi quattro capitani e discepoli: Vataan stregone di quinto livello, Kurag Dahr stregone di quarto livello, Mergas Krill stregone di terzo livello e Xyrash suo allievo prediletto, stregone di secondo livello.
    Fate attenzione amici miei, tutti loro conoscono fin troppo bene le arti oscure e sono maestri di alta stregoneria.
    L’imperatore con le sue legioni è pronto a muovere contro il grosso dell’esercito, ma finchè gli stregoni lo comanderanno, la vittoria sarà impossibile.
    A voi quindi, miei prodi, è stato affidato il non invidiabile compito di penetrare nella Torre di Kronoss e di annientare Bahalor Kurl e i suoi allievi. Prima di accedere alla Torre dovrete però sconfiggere il terribile mostro posto a guardia del suo ingresso. Questa volta non sarete soli, l’imperatore manderà con voi cinque dei suoi più valorosi soldati, essi saranno ai vostri ordini, usate bene la loro forza, e ricordate... una buona strategia potrebbe fare la differenza tra la il successo e la sconfitta.
     
    La torre è composta da cinque livelli in ognuno dei quali ha dimora uno stregone, nell’ultimo troverete Bahalor Kurl, egli è uno stregone di primo livello, non sarà facile batterlo.
    Accumulate più armi e pozioni che potete dunque, vi serviranno per lo scontro finale.
     
    Descrizione del download:
    Il File Principale contiene il questbook dell'avventura
    Il File AddON#1 contiene materiale stampabile aggiuntivo necessario
     

     




    95 downloads

    Aggiornato

  23. Invasione dal Sottomondo

    Prologo:
     
    Lo studio di Mentor era ancora vuoto, poco illuminato e sempre in disordine. Ancora non era arrivato nessuno degli ospiti che egli aveva chiamato.
    Passarono ancora pochi minuti, quando qualcuno bussò alla porta:
    “Avanti!” - esclamò Mentor. Gauron, il mago, fu il primo ad arrivare. Entrò nella stanza, salutò Mentor e si sedette accanto a lui.
    “Mio giovane amico, ben venuto. Sapevo che saresti stato tu il primo che sarebbe arrivato.” - Mentor salutò Gauron, che ricambio con un sorriso quelle parole. - “Hai avvisato i tuoi compagni di quest’incontro? Ma soprattutto, sei riuscito a trovare nella foresta di Laurelorn la persona che ti avevo indicato?” Mentor sembrava quasi impaziente di conoscere la risposta da Gauron.
    “Si, Maestro. Non è stato facile riuscire a trovarla. D’altronde, persone come lei non sono ben viste in mezzo alla gente comune. Non vi nascondo, Maestro, che io per primo ero scettico quando mi avete convocato per affidarmi l’incarico. In ogni caso lei ora è qui, pronta ad ascoltare le vostre parole. Le ho esposto quale possa essere il nostro problema, e lei ha accettato. Fra non molto dovrebbe arrivare anche lei” - Gauron aveva appena finito di parlare che si udì di nuovo bussare alla porta.
    “Avanti!” - disse nuovamente Mentor. Una figura snella, incappucciata, entrò nella stanza. Mentor non ebbe difficoltà a riconoscerla subito. La accolse molto calorosamente.
    “Sapevo che avresti accolto il mio invito, mia cara. Immagino che durante il tuo tragitto abbia avuto le solite difficoltà.” - Mentor si avvicinò a quella figura. Era una donna, sembrava un elfo ma aveva qualcosa di differente, qualcosa che, con il cappuccio alzato e la luce bassa, non si riusciva bene a notare.
    La donna fece un cenno di saluto a Gauron, che ricambiò cordialmente. Mentor offrì a entrambi un bicchiere di vino nell’attesa che arrivassero gli altri invitati all’incontro. Durante l’attesa non fu proferita parola, le tre presenze erano ognuna immersa nei propri pensieri. Passò un po’ di tempo, quando da fuori lo studio si iniziò a sentire una voce sbraitante.
    “Stanno arrivando” - intervenne Gauron - “Questo deve essere come al solito Thorin che ha da lamentarsi.”
    “Amica mia, forse è il caso che tu non ti faccia vedere subito da loro. Conosci quali possano essere i pregiudizi delle persone comuni.” - Mentor era preoccupato per la sua ospite. Costei capì la sua preoccupazione e si alzò, andando a mettersi in un angolo della stanza. Disse una parola, un incantesimo, e fu avvolta in un’oscurità impenetrabile.
    Se Gauron non l’avesse vista muoversi e andare a sistemarsi in quell’angolo, non avrebbe mai pensato che quella donna fosse mai stata lì.
    Subito dopo, la porta dello studio di Mentor si spalancò ed entro un nano.
    “Allora, cosa c’è stavolta? Chi dobbiamo far fuori?” - Thorin il Nano entrò imperioso nello studio di Mentor.
    Dopo di lui entrarono anche Rygar, il barbaro, e Lainadan, l’elfo. Rygar salutò con un semplice cenno della mano.
    “Signore, Gauron” - salutò Lainadan.
    “Benvenuto Lainadan. Accomodati, anzi accomodatevi tutti.” - Mentor fece entrare e accomodare i campioni dell’imperatore. Quel gruppo di eroi aveva combattuto e sgominato più volte le armate di Morcar, salvando l’Impero da un nefasto destino.
    Mentor iniziò a parlare:
    “Amici miei, un altro pericolo sta iniziando a minacciare le nostre terre.
    Come ben saprete, al di sotto della terra che calpestiamo, centinaia di metri sottoterra, esiste un altro mondo, quello che comunemente viene definito “Il Sottomondo”, abitato da orde di mostri, demoni ed esseri di ogni specie maligna. Ebbene, in questi ultimi periodi sono stati riscontrati molti avvistamenti di truppe organizzate dal Sottomondo, che hanno fatto razzia in molti dei nostri villaggi.
    Di certo saprete che alcuni villaggi sono stati distrutti, altri sono stati risparmiati per pura fortuna, dal momento che erano presenti alcuni di voi e hanno provveduto a salvaguardare la popolazione” - Mentor indicò Gauron, e questi rispose con un lieve inchino al suo maestro. - “L’imperatore ci chiede di andare a visitare quei luoghi nefasti e di trovare l’artefice di questi attacchi.”
    Rygar si alzò e intervenne: “Signore, si sa nulla di chi si possa trattare? Se dobbiamo andare laggiù avremo bisogno di una guida, qualcuno che possa conoscere quei luoghi.”
    “Hai ragione amico mio” - rispose Mentor - “a tal proposito una guida è stata già individuata. Qualcuno che, come hai detto anche tu, conosce bene quei luoghi. Vieni avanti, Eruanna, presentati ai tuoi compagni.”
    Gli ultimi arrivati si guardarono in faccia, per capire Mentor con chi ce l’avesse. Subito dopo una figura sbucò da un angolo oscuro della stanza. Portava ancora il cappuccio alzato. Alzò la testa, il cappuccio rimase alzato, ma il viso di quell’essere risultò ben visibile: occhi bianchi e pelle scura.
    “Un DROW!” - urlò Lainadan - “E’ entrato un drow nella stanza. Uccidiamolo.”
    La donna tirò indietro il cappuccio e scoprì il suo volto. Gli occhi erano bianchi, e lunghi capelli bianchi le cadevano sulle spalle. Aveva tratti elfici, ma il colore della sua pelle era nero.
     
    Rygar e Thorin rimasero pietrificati per la sorpresa.
    Lainadan si stava già fiondando verso la drow, quando fu bloccato da Gauron.
    “Lainadan, fermati! Non è un nemico!” - Gauron cercò di bloccare l’amico elfo, ma i suoi sforzi erano inutili. Lainadan si fermò solo quando udì di nuovo la voce di Mentor:
    “Lainadan, fermo! Eruanna non è nostra nemica.”
    “E’ una Drow, un elfo oscuro. E tutti gli elfi oscuri sono nostri nemici.” - Lainadan non riusciva a trattenere la sua rabbia.
    Rygar e Thorin erano confusi, non capivano cosa fare. Era risaputo che i Drow erano abitanti del Sottomondo, ma allora perché Mentor ne aveva chiamato uno?
    “Lainadan, siedi e ascolta le mie parole, amico mio. So perfettamente chi è Eruanna, e ti posso assicurare che non è nostra nemica.” - Menotr cercò di calmare l’elfo.
    Ci volle un po’ prima che Lainadan si calmasse. Poi, si rimise a sedere, e parlò a Mentor:
    “Signore, mi fido della vostra parola, ma non potete chiedermi di fidarmi di lei. E’ una drow, nemica giurata della mia razza. Un elfo oscuro, coloro che hanno rinnegato la bellezza del mondo e del bene per servire le divinità del male.” - Lainadan non staccava mai gli occhi di dosso dalla Drow mentre parlava.
    “Sei male informato, elfo.” - Eruanna per la prima volta parlò. Il suo timbro di voce era lo stesso di Lainadan, voce suadente elfica. - “Non tutti i miei consanguinei hanno accettato di vivere le loro vite nelle profondità del Sottomondo.”
    “Rimani pur sempre quella che sei: un’assassina, un uccisore di elfi.”
    Lainadan era fuori di sé, ma Eruanna mostrò una calma improvvisa. Non si aspettava un’accoglienza benevola, data la sua appartenenza alla razza Drow.
     
    Quando tornò la calma e il silenzio, Mentor riprese di nuovo la parola:
    “Amici miei, come vi stavo dicendo, dobbiamo andare a vedere cosa sta accadendo nel Sottomondo. E per fare ciò avrete bisogno di una guida. Eruanna ha vissuto molti anni nel Sottomondo. Ora è un’abitante della superficie, vive nella foresta di Laurelorn e ha già prestato servizio per me in passate occasioni. È una mia cara amica, e un’ottima combattente. Vi sarà di forte aiuto nel viaggio che andrete ad affrontare.
    Eruanna ha già avuto modo di fare delle incursioni di recente nel Sottomondo e ha scoperto qualcosa di importante. Ora ce lo esporrà.”
    Eruanna si alzò e iniziò a parlare:
    “Ho scoperto cosa sta succedendo. Morcar è riuscito a contattare una sacerdotessa Drow, Kirara, e a stringere un’alleanza con lei. Kirara è l’organizzatrice di tutti gli attacchi che provengono dal Sottomondo. Conosce bene quelle grotte e sa come muoversi e spostare i suoi servi. Se vogliamo fermare questi attacchi dobbiamo entrare in quelle caverne, trovare il covo di Kirara e ucciderla. Non sarà un’impresa facile. Come alcuni di voi già sapranno, i Drow evocano creature di ogni tipo affinché li servano per i loro scopi.
    Io combatterò al vostro fianco. Da molti anni vivo nella foresta di Laurelorn, e ultimamente abbiamo avuto anche lì alcuni attacchi provenienti dal Sottomondo. Non permetterò a niente e a nessuno di danneggiare la mia dimora.
    Sono pronta a farvi da guida in quelle grotte. Sono nata lì, le conosco abbastanza bene, e combatterò al vostro fianco, che voi lo vogliate o no.”
    L’ultima frase era rivolta a Lainadan. Costui ricambiò lo sguardo di Eruanna con odio, ma sapeva che era suo dovere rispettare gli ordini dell’imperatore e di Mentor.
    “Bene amici miei”- Mentor prese la parola -“Fra tre giorni partirete per trovare un ingresso idoneo per il Sottomondo. Eruanna vi farà da guida. Ora andate a riposarvi, ci rivedremo fra tre giorni.”
    Rygar, Thorin e Lainadan uscirono dallo studio di Mentor. Lainadan lanciò un’altra occhiata ad Eruanna, ma ella la ricambiò senza emozioni in volto.
    “Stai bene, amica mia?” - Mentor era preoccupato per Eruanna. Lo scontro con Lainadan era prevedibile, ma vedere una reazione simile nell’elfo non era stata prevista.
    “Non preoccupatevi, mio Signore. Tutti coloro che mi hanno conosciuto hanno avuto una reazione simile. Da un elfo della superficie, poi, non potevo aspettarmi un trattamento diverso. Per questa volta lo perdono.”
    Eruanna salutò i due maghi, e si apprestò a tornare all’alloggio che Mentor le aveva riservato.
    Mentor e Gauron rimasero ancora nello studio.
    “Maestro, voi dite che quei due riusciranno a collaborare?” - era palese che Gauron si riferiva a Lainadan e ad Eruanna.
    “Dovranno, mio giovane allievo. Senza quella donna Drow, voi sareste spacciati. Ma non pensarci, ora anche noi abbiamo da fare. Per te e i tuoi amici sarà una dura prova.
     
    Vieni, è arrivato il momento che tu comprenda meglio come funziona la magia del Sottomondo. Saranno tre giorni di duro lavoro. Sei pronto?”
    “Sempre pronto ad ascoltare i vostri insegnamenti, Maestro.”
    Mentor condusse Gauron verso una parete. Pronunciò una parola magica e una porta sbucò dal nulla. I due maghi oltrepassarono la porta e scomparvero.
     
    Lo studio di Mentor tornò vuoto, con il solo crepitare della legna nel camino a rompere il silenzio.
     

     




    95 downloads

    Aggiornato

  24. I Druidi di Laurelorn

    L’avventura è il proseguimento della storia iniziata nel Quest Pack “Invasione dal Sottomondo” (reperibile sul sito www.heroquestgame.com). E’ necessario aver giocato e completato il quest pack precedente per poter giocare a “I Druidi di Laurelorn”.
    Tenete a disposizione tutto il materiale aggiuntivo fornito con il quest pack “Invasione dal Sottomondo”, in quanto sono presenti alcuni mostri e materiale già utilizzato nel precedente quest pack.

    93 downloads

    Aggiornato

  25. Il Rinnegato

    Un gelido vento di morte si leva da est. Uthan l’usurpatore sta preparando le sue armate di creature dell’oscurità, egli molto presto sarà pronto a muovere alla conquista del mondo. Se avrà successo il buio si abbatterà su di noi per sempre.
    Egli va fermato, ad ogni costo. E’ per questo motivo che mando voi amici miei, siete gli unici ad avere una speranza di successo.
    A farvi da guida ci sarà un vampiro molto potente, si fa chiamare “Il Rinnegato”.
    Ignoro il motivo per cui ha deciso di tradire la sua razza e non mi fido di lui, ma egli
    è il possessore della “Lama di Luce”, l’unica arma in grado di far tremare Uthan!
     
    Non abbiamo quindi scelta Siate molto accorti dunque, sul vostro cammino troverete ogni sorta di creatura, con molte delle quali non avete mai avuto a che fare.
     
    Descrizione del download:
    Il File Principale contiene il Questbook
    Il File AddON#1 contiene il Libro Stampabili (materiale aggiuntivo) [Attenzione: 298 MB]
    Il File AddON#2 contiene il Regolamento del gioco
     

     




    150 downloads

    Aggiornato

FORUM ITALIANO DI HEROQUEST

Il Forum Italiano di HeroQuest è gestito dalla redazione Heroquestgame.com, online dal 1999. Le risorse che troverai qui sono tutte gratuite, nella maggior parte dei casi in italiano e se stavi cercando un posto per far rivivere la tua passione per HeroQuest, la tua ricerca è terminata. Benvenuto nel mondo dei dungeon da liberare, delle missioni da compiere ai confini del conosciuto, delle armi da forgiare, dei misteri da svelare.
Benvenuto nel mondo di HeroQuest.

HeroQuest è un marchio della Hasbro - Games Workshop Inc. - Tutti i diritti sono riservati. Questo sito non intende ledere in modo diretto o indiretto diritti di copyright legati alla proprietà del marchio ma esiste esclusivamente per lo scopo di continuare a diffondere la conoscenza del gioco e delle sue espansioni. 

HeroQuest is a trademark of the Hasbro - Games Workshop Inc. - All rights reserved. This site doesn't intend to injure in direct or indirect way copyrights to the ownership of the trademark but it exclusively exists for the purpose to keep on spreading the knowledge of the game and its expansions.  

Facebook

×