Vai al contenuto

Il forum ufficiale italiano di Heroquest usa i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Leggi le Norme sulla Privacy per i dettagli. Per rimuovere questo messaggio dai clic sul pusalnte qui a destra:    Accetto l'uso dei cookies

Autore

DISCUSSIONE DI SUPPORTO Informazioni file

  • Inserito: dic 26 2016 21:26
  • Ultimo aggiornamento: dic 27 2016 12:18
  • Dimensioni file: 1,99K
  • Visualizzazioni: 146
  • Downloads: 42

Download Il tempio del tempo

* * * * - 1 Voti
quest pack quest competition



Anteprima

Il Tempio del Tempo è un questpack che ha ottenuto il 2° Premio al Quest Competition Edizione 2016.

 

Prologo:

 

Il corvo messaggero arrivò alle prime luci dell'alba.
Portava legato ad una zampa, un pezzetto di stoffa giallastra con un messaggio scritto in un'antica e sconosciuta lingua.
L'ordine dei Maghi Bianchi di Lhomar si riunì per una veloce quanto drammatica traduzione...

 

Un giovane Mago presenziò dinanzi al Consiglio di Hamann leggendo quanto segue:

 

“Arzakhan il Necromante, colui che dimora nel bastione nero da noi tutti conosciuto come Nerhas, ci avverte di un imminente pericolo:
sembra che, da qualche tempo, le creature Non Morte che vivono nel Deserto Centrale, abbiano iniziato a comportarsi in modo anomalo;
molti di loro, si rifiutano di svolgere i propri compiti e si verificano spesso liti e diverse risse tra i vari clan;
gli Scheletri Guerriero sono inquieti come mai successo prima.
Arzakhan teme che il sigillo magico che tiene chiusa la porta dei
sotterranei del Tempio del Tempo si stia man mano logorando e che, dalle fessure della grande porta, si stiano liberando in aria
impercettibili quantità di Chaos Strisciante...
Il Pastore di Anime è convinto che soltanto una nuova unione tra Magia Bianca e Magia Oscura sia in grado di porre un nuovo e più
potente sigillo di protezione ai sotterranei del Tempio.”
Sire Gordanyn, sotto consiglio dei Maghi più saggi e dei Cardinali, aggiornò la seduta alla fine della settimana.

 

I Maghi si riunirono a Lhomar chiedendosi quanto fossero vere quelle notizie; Gli Stregoni Grigi di Nanya interrogarono
gli antichi libri e su tutte le terre degli Uomini cadde il silenzio...

 

Il terzo giorno arrivò un altro corvo con un nuovo messaggio; la traduzione fu più veloce e,
davanti al Consiglio al gran completo, il giovane Mago lesse di nuovo:

 

“Arzakhan il Necromante ci avverte di non avere quasi più potere sugli Scheletri Guerrieri e di essersi rinchiuso a Nerhas,
nelle sue stanze, con il suo seguito e la sua guardia personale.
Suggerisce inoltre a noi Popoli Liberi di riunire una compagnia di Eroi;
un manipolo che vada a recuperare almeno tre artefatti magici dell'Era Antica legati alla Luce e all'Oscurità.” un brusio di disapprovazione
inondò la sala del Consiglio ed il giovane Mago continuò “... il Talismano delle Ombre che si trova nascosto nelle sale di Nerhas;
le Lacrime di Unicorno, unica testimonianza dell'esistenza di uno splendido animale fantastico scomparso da tempo: forse ne troverete
un'ampolla tra le Rovine di Lanya...” il brusio divenne lamento “e... del Sangue di Drago...”.

 

Nella confusione generale, Godorh, l'Arcimago reggente di Lhomar, si alzò dal suo posto e si consultò con Sabadarh lo Stregone Grigio;
poi, quest'ultimo, prese la parola.

 

“Mio signore Gordanyn, Re degli Uomini e di tutti i Popoli Liberi de la Terra, chiedo a nome della città di Nanya, la patria di noi Stregoni,
a nome di Lhomar, la città dei Maghi Bianchi e a nome di tutti i Collegi di Magia il permesso di intraprendere tale impresa perché mai noi
vorremmo vedere di nuovo aperta la porta che conduce nei sotterranei del Tempio sotto la Grande Montagna. Una compagnia di Eroi recupererà
gli Artefatti e li porrà di fronte alla grande porta intrisa di magia... se i nostri calcoli sono esatti, questo basterà ad innescare la reazione
tra gli elementi ed a bloccare la fuoriuscita di Chaos Strisciante.”

 

Il Re non ebbe esitazione ed ordinò ad ogni scriba presente nella sala del Consiglio di trascrivere un messaggio a tutti i Popoli Liberi de la Terra;
mentre dettava, qualche consigliere cercò di dissuaderlo da tale proposito...
Come si poteva credere ciecamente alle parole di una creatura come Arzakhan?
Era rischioso andare nella regione delle Montagne in cerca di Draghi, per non parlare della maledizione che strisciava tra le sale del Tempio,
nelle viscere di Kadath...
Gordanyn scagliò il vassoio col vino contro chi gli chiedeva di mostrare più pazienza e finì di dettare le lettere.

 

Le risposte non tardarono ad arrivare.
Oltre al Popolo degli Uomini e alla Stirpe degli Stregoni, anche gli Elfi Mago dell'Isola di Nhaar e
gli Elfi del Bosco di Loryen si unirono alla compagnia rispondendo all'appello del Re.
Il corvo proveniente dall'Estremo Nord arrivò al tramonto; William Donegan, signore di Asghard e di tutti i Vichinghi aveva scritto il messaggio
di sua mano, per meglio far ricordare al Re di Hamann ed agli Arcimaghi delle Università della Magia, il grande male che dorme intrappolato sotto la Montagna...
concluse, parlando anche a nome dei Nani di Hered suoi protetti, promettendo l'invio di due dei loro miglior guerrieri.
Nessuna risposta venne dalle Highlands...
Un altro corvo, invece, giunse dopo qualche giorno dalla città di Nuova Lanya...

 

“Noi che non riconosciamo Gordanyn come Re dei popoli liberi; noi che non abbiamo bisogno della guida spirituale della chiesa di Hamann;
noi che consideriamo nemici i Maghi Bianchi di Lhomar; noi che viviamo oltre la Foresta del Lupo, nell'isolamento forzato che gli eserciti di Hamann
ci impongono; noi non rispondiamo al vostro appello ma, anzi, vi invitiamo a non imbarcarvi in un'avventura che potrebbe far ripiombare la nostra
Terra nell'ombra che ha divorato la città d'argento di Lanya e tutto l'antico Regno delle Amazzoni. Nel nome del Popolo Libero di Stynia, vi chiediamo
di rinunciare alla follia di marciare verso le terre al nord, dove...” Lameth “Cuore di Lupo”, figlio di Lucyan, Signore di Nhora e Sovrintendente del
Clan dei Lupi, strappò via il foglio dalle mani del servitore che lo stava leggendo al Consiglio e lo gettò con rabbia nel fuoco del grande camino...

 

“Non credo arriveranno altre risposte” disse il Re alzandosi dalla sua sedia rivestita di velluto rosso “chiedo, a chiunque abbia il coraggio e l'ardire
di farlo, di recarsi nel Deserto Centrale ed entrare nella Torre di Nerhas; chiedo, a chiunque abbia il fegato, di strisciare sotto i lunghi cunicoli
delle Montagne alla ricerca di un Drago... chiedo, a chiunque sia così folle, di recarsi ai confini del mondo, tra la neve ed il ghiaccio dell'Estremo Nord
ed entrare nelle viscere del Tempio maledetto che si trova sotto il Monte Kadath e fermare quello che gli Stregoni chiamano Chaos Strisciante...
non so dirvi di più; non posso promettervi che tornerete tutti d'un pezzo o sani di mente; non so dirvi cosa incontrerete, quali nemici affronterete...
ma su di voi verranno scritte canzoni e raccontate leggende ai bambini che verranno... posso solo augurarvi buona fortuna. Chiunque tornerà vivo,
riceverà da me, Gordanyn, Re degli Uomini, il titolo di Lord e delle terre ed un castello...”

 

Il Re si congedò e la compagnia si preparò a lasciare Hamann in direzione di Nerhas...

 

 

 

Immagine inserita



Anteprima

Anteprima Anteprima




  • 482 Files totali
  • 20 Categorie totali
  • 79 Autori totali
  • 29245 Downloads totali

1 heroquesters attivi

0 heroquesters, 1 ospiti, 0 heroquesters anonimi